Emergenza COVID - 19

Privacy


Comune di Rapone, 2017 Sito web Realizzato da Studio K s.r.l. - Tutti i diritti riservati.
FATTURAZIONE ELETTRONICA AVVISO AI FORNITORI

 

 


A decorrere dal 31 marzo 2015 il Comune potrà ricevere le fatture esclusivamente in formato elettronico all’indirizzo di posta elettronica certificata:

anagrafe.comune.rapone@pec.it

Le informazioni utili, disponibili anche sull’IPA (Indice Pubblica Amministrazione), sono di seguito riportate:

Denominazione Ente Comune di Rapone
Codice Univoco Ufficio UFR31E
Nome ufficio: Uff_eFatturaPA
Cod.fisc.servizio di F.E. 80002430769
Ultima data validaz. c.f. 25/03/2015
Data di avvio del servizio 31/03/2015
Regione Ufficio Basilicata
Provincia Ufficio PZ
Comune Ufficio Rapone
Indirizzo ufficio Corso Umberto I N.18
Cap ufficio 85020

 

17

Dic

2010

Bando Assistente Sociale
Indice
Bando Assistente Sociale
AVVISO DI SELEZIONE COMPARATIVA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER L'AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE DI ASSISTENTE SOCIALE IN AMBITO P.S.Z. “VULTURE”
Tutte le pagine

SELEZIONE PER AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE DI ASSISTENTE SOCIALE IN AMBITO DEL P.S.Z.- APPROVAZIONE DISCIPLINARE

IL RESPONSABILE

 

-       ESAMINATA la legge n. 328 dell’8.11.2000 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”

-       ESAMINATA la L.R. n. 4 del 14.02.2007 (Rete regionale integrata dei servizi di cittadinanza sociale), in particolare gli articoli 3, comma 3, 8 e 12;

-       CONSIDERATO che per la citata normativa e per il vigente Piano Socio-Assistenziale (P.S.Z.) della Regione Basilicata i Comuni devono dotarsi, per l’espletamento delle funzioni socio-assistenziali di propria competenza, di un servizio sociale professionale, e quindi anche della figura di Assistente Sociale;

-       VISTA la delibera del Consiglio Comunale n. 53 del  27.9.2001, esecutiva ai sensi di Legge, con la quale si approvava lo schema di convenzione per la gestione associata dei servizi socio-assistenziali tra i Comuni ricadenti nell’ambito locale di zona Vulture;

-       CHE per la vigente pianificazione sociale di ambito il 50% della spesa dell’ufficio sociale (in particolare quella per gli operatori sociali professionali - Assistente Sociale  e  Psicologo)  è  a  carico del Piano Sociale di zona del “Vulture”;

-       DATO ATTO che questo Ente non dispone al proprio interno della figura professionale necessaria per assolvere i  molteplici problemi sociali, sicchè si rende indispensabile ricorrere alle prestazioni di collaborazione esterna ex art.7 comma 6 del D.Lgs. 165/2000;

-       VISTA la disciplina degli incarichi esterni ad alto contenuto di professionalità  contenuta capo XI –del regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei servizi nel testo  approvato con delibera di G.C. n. 93 del 27.11.2010;

-       VISTO il previgente Regolamento, la cui parte disciplinante le modalità di assunzione è stata espressamente mantenuta in vigore, sino alla adozione di nuova regolamentazione della specifica materia;

-       VISTA la delibera consiliare n. 27  in data 28.04.2010 recante l’approvazione del programma per il conferimento di incarichi di collaborazione esterna, nel cui ambito è stata prevista l’acquisizione delle professionalità necessarie per l’espletamento delle funzioni socio assistenziali di competenza comunale;

-       VISTA la Legge n.241 del 07.08.1990;

-       VISTI lo statuto comunale ed il vigente regolamento comunale di contabilità;

-       VISTO il D.Lgs n.165 del 30.03.2001;

-       VISTA la delibera di Giunta comunale n. 82 in data 18/06/2009, e susseguente decreto sindacale di nomina 4112 di prot. del 23/06/2009,   recanti l’attribuzione al sottoscritto assessore delle funzioni gestionali attinenti i servizi sociali;

D E T E R M I N A

DI PRENDERE ATTO di  quanto enunciato in premessa che si intende interamente riportato a fare parte integrante e sostanziale.

DI AVVIARE le procedure per la selezione di un Assistente sociale al quale conferire l’incarico, nella rispetto della normativa regolamentare di cui agli artt. 61 e segg. del vigente Regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi , per l’attività professionale nell’ambito dei servizi socio assistenziali;

DI APPROVARE, a tal fine, l’avviso di selezione, per titoli e colloquio, nonchè lo schema di contratto per l’affidamento di incarico professionale di Assistente sociale, che si allegano alla presente e di cui fanno parte integrante e sostanziale.

DI DARE ATTO CHE, ai fini del nuovo affidamento la relativa spesa farà carico sullo stanziamento di cui all’intervento 1.10.04.03 del Cap.  del redigendo Bilancio di previsione , mentre per le quote di spesa riferite ai successivi anni di durata contrattuale, troveranno copertura sul corrispondente intervento di spesa per ciascun esercizio di competenza del collegato Bilancio pluriennale 2011/2013.

 

DI TRASMETTERE copia della presente determinazione all’Ufficio Finanziario per i provvedimenti di competenza

 

La presente determinazione, anche ai fini della pubblicità degli atti e della trasparenza amministrativa, sarà pubblicata all’Albo Pretorio da oggi per 15 giorni consecutivi ed avrà esecuzione dopo il suo inserimento nella raccolta di cui all’art. 183, comma 9, del D.Lgs. 18.08.2000, n.267.

IL  RESPONSABILE

(Ass: Donato CAPPIELLO)

IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO

 

In relazione alla su estesa determinazione:

 

APPONE il visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria a valere sull’intervento

1.10.04. Cap. 1  del   redigendo Bilancio di previsione e collegato Bilancio pluriennale 2011/2013.

 

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

(Rag. Gerardina LETIZIA)

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

(Dr. Anna Pinto)

 

SCHEMA DI CONTRATTO PER L’AFFIDAMENTO DI
INCARICO PROFESSIONALE DI ASSISTENTE SOCIALE

L'anno duemila.., il giorno _________ del mese di ______________, tra le sottoscritte parti:

1) Il Sig.__________________________, nato a ____________il 00.00.1900, il quale interviene, in qualità di Responsabile del Settore ed in rappresentanza del Comune di  Rapone (PZ), in nome e nell’interesse dell’Ente che rappresenta, a ciò autorizzato ai sensi e per gli effetti dell’art. 107, comma 2, lett. c) del T.U.E.L. approvato con D.lgs. 18.08.2000, n° 267;

E

2) l’Assistente Sociale ________________ nato/a a __________ (__) il ________ e residente a ____________ (__) alla Via _____________, n° __  Cod. Fisc. __________________.

Si disciplina e si stipula quanto segue:

ART. 1

Il Comune di  Rapone (PZ) affida a _________________, come sopra generalizzato, l’incarico di collaborazione professionale esterna di Assistente sociale per un periodo di anni 2 (due),a decorrere dalla data di sottoscrizione del presente atto, con la condizione che il Comune medesimo potrà recedere anticipatamente dal contratto, con un preavviso di almeno 15 (quindici) giorni, qualora si verifichino impedimenti tali da non consentire o rendere più necessario l’espletamento delle funzioni collegate alla professionalità richiesta dall’Ente.

ART. 2

Per tutta la durata del rapporto di cui all’articolo precedente, l’Assistente sociale è tenuto a prestare la propria collaborazione professionale mediante lo svolgimento di tutti i compiti e le mansioni  attinenti la propria professionalità, consistenti nell’espletamento di pratiche, servizi ed adempimenti inerenti il servizio sociale professionale, ed operando in favore di persone singole, di gruppi e di comunità per prevenire e risolvere situazioni di bisogno.

In particolare l’Assistente sociale dovrà:

a.     redigere relazioni ed inchieste di servizio sociale;

b.     effettuare verifiche, ispezioni e controlli;

c.     mantenere costanti rapporti con i cittadini onde prevenire ed evitare situazioni di bisogno e disagio;

d.     operare per definire la risposta ai bisogni dei singoli e delle famiglie;

e.     attuare i collegamenti con gli enti e/o gli uffici previdenziali, sanitari, assistenziali e giudiziari relativamente ai singoli casi;

f.      controllare il regolare andamento dei per gli anziani, i portatori di handicap, i minori ed ogni altro afferente al settore delle politiche sociali già istituito o che sarà istituito dal Comune;

g.     svolgere attività di istituto in favore dei minori, degli anziani e dei portatori di handicap e, in generale, nei confronti dei singoli e dei nuclei familiari;

h.     svolgere attività di consulenza in favore dell’Amministrazione Comunale in materia socio-assistenziale;

i.      predisporre o collaborare alla predisposizione di programmi e progetti per i quali richiedere l’accesso ai finanziamenti previsti dalla vigente normativa regionale, statale e comunitaria;

j.      svolgere ogni altra attività inerente al servizio, demandata alla competenza dei Comuni;

ART. 3

L’assistente sociale si obbliga a svolgere la propria attività ed eseguire i compiti d’istituto nel rispetto dei termini e delle modalità stabilite dalle varie autorità richiedenti relazioni, ispezioni e verifiche, nonché derivanti da leggi, norme regolamentari, e da disposizioni e direttive impartite dai competenti Organi comunali.

L’Assistente sociale presterà la propria collaborazione utilizzando i mezzi e gli strumenti messi a disposizione dall’Amministrazione comunale.

Il professionista incaricato è tenuto ad osservare le regole del segreto d’ufficio a proposito di fatti, di informazioni, notizie od altro di cui avrà comunicazione o prenderà conoscenza nello svolgimento dell’incarico. Tali informazioni non potranno in alcun modo essere cedute a terzi.

Le clausole del presente articolo hanno per il Comune carattere essenziale e irrinunciabile e la loro violazione potrà dar luogo alla risoluzione di diritto del contratto ai sensi e per gli effetti dell’art. 1456 del codice civile.

ART. 4

L’Assistente sociale espleterà la propria attività assicurando una presenza in servizio di almeno sei ore settimanali, salve ulteriori esigenze per garantire l’efficienza del servizio, al fine di ricevere cittadini in condizioni di bisogno, nonché di definire con i competenti Organi comunali gli indirizzi ed i contenuti della propria attività di istituto.

L’orario sarà concordato con il responsabile di settore competente e sarà improntato a criteri di flessibilità e funzionalità dei servizi.

L’incaricato, compatibilmente con gli impegni assunti con il presente contratto e con le dichiarazioni nello stesso rese, sarà libero di prestare anche in favore di terzi la propria attività sia autonoma che subordinata.

Eventuali altre attività prestate in favore di terzi in via autonoma o subordinata possono avvenire liberamente, nel pieno rispetto della riservatezza e solo per attività che non siano concorrenti con quella di cui al presente contratto.

ART. 5

L’incaricato assicurerà la propria reperibilità, con raggiungimento della sede nel termine di 60 minuti, nei casi di urgenza e per situazioni che vedano coinvolti minori, portatori di handicap, anziani.

L’Amministrazione si riserva di richiedere, per eccezionali e contingenti esigenze di servizio, prestazioni eccedenti il monte ore stabilito. Le eventuali ore settimanali in più rispetto a quelle previste e/o adeguate alle mutate esigenze, potranno essere scomputate nella settimana successiva o essere retribuite a parte, sulla base del compenso orario pattuito.

ART. 6

Per lo svolgimento di attività al di fuori del territorio comunale, l’Assistente sociale potrà utilizzare l’autovettura di servizio; in caso di indisponibilità dell’autovettura, potrà utilizzare il mezzo proprio: in tal caso avrà diritto al rimborso delle spese di viaggio nella misura prevista per i dipendenti pubblici.

ART. 7

Il compenso orario per l’espletamento dell’incarico oggetto del presente disciplinare viene determinato in €. 413,17 (quqttrocentotredici virgola diciassette), IVA e contributi INPS inclusi, tale importo è determinato sulla base minima di n. 06 ore settimanali e potrà variare tanto in aumento o in diminuzione per effetto delle ore di servizio da assicurare.

Il compenso sarà corrisposto in rate mensili posticipate, con emissione di mandato di pagamento previa presentazione di fattura o regolare documento contabile regolarmente vistato dal Responsabile del settore.

ART. 8

L’incaricato assume, ove prescritto normativamente, tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all’articolo 3 della legge 13 agosto 2010 n. 136 e successive modifiche.

ART. 9

Le eventuali inadempienze nell’espletamento dell’incarico, comporteranno l’applicazione della penalità di €. 100,00, con la sola formalità della contestazione degli addebiti previa determinazione del Responsabile del Settore.

In caso di persistenti inadempienze e di recidiva, si procederà alla sospensione dell’erogazione del compenso, con riserva, da parte dell’Amministrazione, di risolvere anticipatamente il contratto.

ART. 10

L’incarico di cui al presente atto è svolto in rapporto libero-professionale, ai sensi e per gli affetti di cui agli artt. 2222 e segg. del cod. civ., senza alcun vincolo di lavoro subordinato tra il Comune di Rapone (PZ) ed il professionista incaricato il quale, a sua volta, dichiara di essere a conoscenza  dell’impossibilità di convertire il presente contratto  in rapporto di lavoro a tempo indeterminato.-

Per tutta la durata dell’incarico, l’Assistente sociale dovrà eleggere domicilio legale presso il Comune di  Rapone (PZ).

ART. 11

Il presente disciplinare sarà soggetto a registrazione solo in caso d'uso.

ART. 12

Il professionista dichiara di accettare, come di fatto accetta, l'incarico oggetto del presente disciplinare e si obbliga a darvi esecuzione nei termini, modalità e condizioni sopra riportate.

Il collaboratore autorizza il Comune di Rapone al trattamento dei propri dati personali e alla loro trasmissione ad altri soggetti o enti ai fini dell’espletamento della prestazione e al pagamento dei compensi nel rispetto degli obblighi di sicurezza e riservatezza previsti dalla D.Lgs. n. 196/2003.

ART. 13

Per quanto non espressamente previsto nel presente contratto, si fa rinvio alle vigenti disposizioni di legge in materia di incarichi professionali, in quanto applicabili.

 

L’ASSISTENTE SOCIALE                                                    PER IL COMUNE DI RAPONE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

 

 


 

 

 

AVVISO DI SELEZIONE COMPARATIVA, PER TITOLI
E COLLOQUIO, PER L'AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE DI ASSISTENTE SOCIALE IN AMBITO P.S.Z. “VULTURE”


In esecuzione della determinazione n. 57  del 14.12.2010

l'Amministrazione Comunale di  Rapone (PZ) deve procedere all'affidamento di un incarico di collaborazione professionale esterna di Assistente Sociale,  per  l’espletamento delle attività nell’ambito di servizi Sociali territoriali previsti dal Piano di zona.

I termini, le modalità e le condizioni per l’espletamento dell’incarico sono riportate nel  disciplinare, approvato con la suddetta determinazione n. 57/2010.

Al professionista incaricato sarà corrisposto un compenso mensile di € 413,17 Iva ed oneri contributivi inclusi, per un orario settimanale di 06 ore, salvo ulteriori esigenze per assicurare l’efficienza del servizio.

I requisiti di carattere specifico per partecipare alla selezione comparativa sono:

a)   essere in possesso di uno  dei seguenti titoli di studio:

- diploma di Assistente sociale con convalida universitaria o valido ai sensi del DPR 14 15.1.1987;

- Diploma universitario in Servizio Sociale;

- Laurea triennale in Servizio Sociale o Scienze del Servizio Sociale;

- Laurea magistrale  in Servizio Sociale e Politiche sociali;

- Laurea Specialistica in programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali;

b)   essere iscritti nell’Albo Professionale degli Assistenti Sociali

Gli interessati dovranno far pervenire domanda di partecipazione in carta libera, indirizzata al Comune di  Rapone (PZ) - Ufficio servizi sociali, 85020 Rapone  (PZ), entro e non oltre le ore 12.00  del 31.12.2010. A tal fine farà fede esclusivamente il timbro di accettazione dell’Ufficio Protocollo di questo Ente. Le domande inviate a mezzo posta viaggiano a rischio del mittente.

Nella domanda, debitamente sottoscritta ed accompagnata da copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore, i candidati, oltre ad indicare le proprie generalità complete, debbono dichiarare, sotto la propria personale responsabilità, quanto segue:

1.      Luogo e data di nascita, residenza ed eventuale recapito;

2.      il godimento dei diritti politici;

3.      le eventuali condanne penali riportate e gli eventuali procedimenti penali in corso, ovvero l’inesistenza di condanne o procedimenti penali;

4.      la idoneità fisica all’espletamento dell’incarico;

5.      la posizione nei riguardi degli obblighi militari di leva (per i soli candidati soggetti a tale obbligo);

6.      l’inesistenza di qualsiasi causa ostativa a stipulare contratti con la Pubblica Amministrazione;

7.      di non aver in atto rapporto di lavoro subordinato con la  Pubblica Amministrazione, o, in caso contrario, di impegnarsi a richiedere ed ottenere la prescritta autorizzazione da parte dell’Ente di appartenenza.

8.       di aver preso visione dello schema di contratto disciplinante l’incarico e di accettare le norme, condizioni e modalità per l’espletamento dell’incarico in esso riportate.

I requisiti prescritti debbono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal presente avviso per la presentazione della domanda.

Alla domanda dovrà essere allegata la seguente documentazione:

a.       Copia autentica del titolo di studio posseduto. Tale titolo deve contenere l’indicazione della votazione conseguita o essere accompagnato da apposito certificato indicante la votazione.

b.      Il certificato di abilitazione all’esercizio professionale, con indicazione della data di iscrizione all’Albo.

c.       Il curriculum formativo e professionale, datato e firmato, corredato di idonea documentazione comprovante le attività in esso attestate.

d.      I titoli di studio, di servizio, ed, in genere, tutta la documentazione e certificazione da valutare ai fini dell’attribuzione dei punteggi previsti, ed utile per la formazione della graduatoria.

E’ consentito, in alternativa a tutta la documentazione di cui ai precedenti punti a), b). c) e d ), presentare una dichiarazione unica sostitutiva di certificazione, ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445, in cui siano riportate tutte le indicazioni contenute nei documenti sostituiti.

Si raccomanda, in caso ci si voglia avvalere di tale facoltà, di indicare analiticamente, dettagliatamente e con la massima precisione i titoli che si intende far valutare. In difetto di tali precise indicazioni, l’Amministrazione non potrà procedere alla valutazione dei titoli dichiarati.

L’Amministrazione, in ogni caso, si riserva la facoltà di invitare, se necessario, gli aspiranti all’incarico a completare o fornire chiarimenti in ordine al contenuto dei certificati, documenti o dichiarazioni presentati, sospendendo, nelle more della risposta, la proceduta di selezione.

La selezione di cui al presente avviso avverrà sulla base  valutazione dei titoli  e del colloquio.

La valutazione  dei titoli avverrà secondo i criteri di seguito indicati:

A)  Titolo di studio posseduto  (max punti 6)

I complessivi 6 punti disponibili per i titoli di studio sono attribuiti al solo titolo richiesto per l’ammissione, come da prospetto che segue:

A1) Titolo di studio richiesto per l’ammissione:

Titoli espressi in centodecimi

Titoli  espressi in centesimi

Valutazione

Da             a

Da              a

66 76

77 87

88 98

99            110

60 69

70              79

80              89

90             100

1.50

2.50

3.50

5.00

In caso di votazioni su scala diversa la griglia di equivalenza è rideterminata parametrando le valutazioni  rispetto al punteggio massimo e quello minimo sopra individuato.

A2) Per ulteriore titolo di studio di livello pari a quello  richiesto per l’ammissione:

punti 0,3 sino ad un massimo di punti  1

A3) Per ulteriore titolo di studio di livello  superiore a quello  richiesto per l’ammissione:

punti 0,7 sino ad un massimo di punti  1

 

B) Titoli di servizio (max punti 1)

1. Esperienze professionali attinenti le funzioni oggetto dell’incarico maturate presso Comuni    per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni  punti   0,06

2.   - Esperienze professionali attinenti le funzioni oggetto dell’incarico maturate presso altre pubbliche Amministrazioni:   per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni  punti   0,03

 

C) Curriculum professionale  (max punti 1), così suddivisi:

1 - Partecipazione a seminari, convegni relative alle discipline oggetto della selezione in qualità di relatore fino ad un massimo di  0,60

-punti  0,20 per ogni partecipazione

2 – Partecipazione a seminari, convegni relative alle discipline oggetto della selezione fino ad un massimo di  0,30

-punti  0,10 per ogni partecipazione

3- Attestazione di servizi o incarichi presso Amministrazioni pubbliche non valutabili tra i titoli di  servizio, esclusi quelli di durata inferiore a giorni 15 punti 0,025 per anno per un massimo di  punti  0,10;

 

D) Titoli vari : a disposizione punti 1, così articolati:

1 – Pubblicazioni attinenti direttamente o indirettamente i contenuti professionali oggetto della selezione: punti 0.10 per ciascuna pubblicazione sino ad un massimo di punti 0.40

 

2 –  Specializzazioni conseguite in attività connesse o usufruibili per l’espletamento delle funzioni del posto oggetto della selezione o per lo stesso espressamente richieste: punti  0,05 per ciascun attestato per un  massimo di punti 0.30 (stenografia, dattilografia, arti, mestieri, attestato di operatore a computer, master, specializzazioni, ecc.);

 

3 - Corsi di perfezionamento o di aggiornamento o di formazione  ovvero qualsiasi altro corso, conclusosi con esame, in discipline ed attività connesse o usufruibili per l’espletamento delle funzioni riferite alla posizione  oggetto della selezione:  sino ad un massimo di punti 0.20 in base alla seguente graduazione:  punti 0,02 per ciascun attestato riferentesi a corso della durata di almeno 50 ore punti 0,03 per una durata compresa tra 51 e 100 ore, punti 0,05 per i corsi la cui durata superi le 100 ore,

4 - Corsi di perfezionamento o di aggiornamento o di formazione  ovvero qualsiasi altro corso, conclusosi senza esame, in discipline ed attività connesse o usufruibili per l’espletamento delle funzioni riferite alla posizione  oggetto della selezione:  sino ad un massimo di punti 0.10, in base alla seguente graduazione: punti 0,01 per ciascun attestato riferentesi a corso della durata di almeno 50 ore, punti 0,02 per una durata compresa tra 51 e 100 ore, punti 0,03 per i corsi la cui durata superi le 100 ore;

 

La valutazione delle specializzazioni e dei corsi viene effettuata allorché tali titoli sono documentati da certificazioni rilasciate da istituzioni pubbliche o da istituti, Scuole e Centri di formazione privati dei quali sia pubblicamente nota la validità scientifica e della formazione che presso i medesimi viene conseguita.

Colloquio individuale

 

Il colloquio verte sulle seguenti materie:

  • Ordinamento degli Enti Locali con particolare riferimento agli organi di governo del Comune (D. Lgs. 18/08/2000 n. 267) e succ. mod ed int.;
  • Normativa nazionale e regionale in materia di servizi sociali e socio sanitari con particolare riferimento alla Legge 328 del 2000, alle Leggi Regionali n. 4/2007 e 12/2008, al Piano Sociale della Regione Basilicata e al Piano Sociale di Zona dell’Ambito Territoriale Sociale  del Vulture  gestione associata dei servizi.

Per la valutazione del colloquio, la commissione esaminatrice avrà a disposizione un totale massimo di 30 (trenta) punti e la prova si intenderà superata con un punteggio di almeno 21/30.

 

Ai candidati ammessi non perverrà alcuna comunicazione personale circa l’ammissione alla selezione; si provvederà alla comunicazione personale esclusivamente in caso di non ammissione.

La data e la sede di svolgimento  del colloquio saranno comunicate mediante pubblicazione di apposito avviso, almeno 10 giorni prima della sua effettuazione, nel sito internet del Comune all’indirizzo www.comune.rapone.pz.it-e tale comunicazione avrà valore di notifica a tutti gli effetti. L’esito della selezione sarà pubblicato secondo le medesime modalità. Non sarà, quindi, data alcuna comunicazione personale.

 

I candidati ammessi sono tenuti a presentarsi nella data e presso la sede della prova orale indicate nel sito istituzionale sopra precisato, muniti di valido documento di riconoscimento.

La graduatoria della selezione sarà formata secondo l’ordine decrescente del punteggio totale, costituito dalla somma dei punteggi attribuiti a ciascun concorrente nella valutazione dei titoli e del colloquio.

A parità di punteggio costituisce titolo di preferenza la minore età anagrafica.

L’Amministrazione si riserva la facoltà di procedere all’affidamento dell’incarico anche in presenza di un solo aspirante.

L’incarico sarà conferito secondo l’ordine di graduatoria, a partire dal concorrente che abbia conseguito la valutazione più elevata, e comunicato all’interessato mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

Il candidato che, per qualsiasi motivo, non accetta l’incarico sarà ricontattato solo nel caso di  eventuale riutilizzo/scorrimento della graduatoria.

Il candidato che, dopo aver accettato, non  assuma l’incarico nel giorno stabilito viene escluso dalla graduatoria e, quindi, non sarà ricontattato in alcun caso.

L’Amministrazione  si riserva, a suo insindacabile giudizio, la facoltà di risolvere il contratto, qualora si verifichino impedimenti tali da non consentire l’espletamento delle attività necessariamente collegate alla professionalità richiesta dall’Ente.

L’Amministrazione si riserva la facoltà di revocare, sospendere o prorogare la procedura di selezione.

Tutti i dati personali trasmessi dai candidati con la domanda di partecipazione alla selezione e con il curriculum vitae saranno trattati esclusivamente per le finalità di gestione della presente procedura e degli eventuali provvedimenti d’incarico e verranno utilizzati,anche con modalità automatizzate, per tale scopo nel rispetto di quanto previsto dal D.Lgs. 196/03,  e ss.mm.ii. Il conferimento dei dati è obbligatorio ed il rifiuto di fornire gli stessi comporta l’impossibilità di dar corso al procedimento.

Titolare del trattamento è il Responsabile del Settore sottoscritto.

I dati suddetti, relativi ai candidati inseriti nella graduatoria finale, potranno essere trasmessi anche ad altre Pubbliche Amministrazioni che chiederanno di utilizzare la graduatoria stessa per conferimento di incarichi.

Si comunica che il responsabile del procedimento relativo alla selezione è il segretario comunale pro-tempore

Lo schema di contratto d’incarico potrà essere ritirato o richiesto, anche via fax, al Comune di  Rapone (PZ) – Ufficio servizi sociali -  85020 RAPONE (PZ). Tel. 0976 96023 – fax 0976- 96411.

Il presente avviso viene pubblicato, per giorni 15 consecutivi, all’Albo Pretorio ed inserito nel sito istituzionale.

Rapone 14.12.2010

IL RESPONSABILE

(Ass. Donato Cappiello)

Attachments:
Download this file (bando_assistente_sociale.pdf)Bando Assistente Sociale231 Kb
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.